SALUTE FEMMINILE, DIMAGRIMENTO
Digiuno intermittente: la mia esperienza
Dott.ssa Martina Pellegrini 
Esperta in Dimagrimento Femminile
 

Negli ultimi tempi si è sentito parlare molto spesso del digiuno intermittente…

Ma in che cosa consiste esattamente? Come si svolge? Quali sono benefici ed eventuali controindicazioni?

Forse non lo hai mai fatto perché hai sempre pensato che potesse fare male, oppure ci hai provato ma hai abbandonato subito dopo il primo tentativo pensando che non facesse per te. 

Beh… sappi che io ti capisco. 

Ho provato esattamente le stesse cose!

Quindi, per rispondere a tutte queste domande e questi dubbi, leggi questo articolo fino alla fine: ti racconterò la mia personale esperienza, quali difficoltà e benefici ho riscontrato e, alla fine, ti mostrerò i passi da fare, nella pratica, per iniziare e personalizzare un digiuno intermittente. 

 

Innazitutto… Chi sono io?

 

Mi chiamo Martina Pellegrini, sono una Nutrizionista ed Holistic Lifestyle Designer. Aiuto le donne a realizzare il Peso Sano con Gioia nutrendo Corpo, Mente e Anima.

Prima di raccontarti la mia esperienza però, capiamo insieme cosa si intende per digiuno intermittente.

Il digiuno intermittente si potrebbe definire come una strategia alimentare in cui si alternano fasi di alimentazione e fasi di digiuno in una stessa giornata.

Quello più conosciuto è quello in cui ci sono 16 ore di digiuno (includendo la notte) e 8 ore di alimentazione.

Tutto chiaro? Bene, ora possiamo andare avanti!

 

LA MIA ESPERIENZA CON IL DIGIUNO INTERMITTENTE

 

Qualche anno fa, rimasi molto colpita da alcuni studi della letteratura scientifica che erano stati pubblicati sul digiuno intermittente e sui suoi benefici, non solo sul dimagrimento ma anche proprio sulla capacità del nostro corpo di rigenerarsi e di promuovere la longevità, riducendo la probabilità di incorrere in malattie neuro degenerative.

 

Una cosa non da poco, dal momento che provengo da un’università e quindi una scuola di pensiero che ai tempi era ben distante dal promuovere il digiuno, nonostante questa pratica abbia in realtà radici che affondano nella nostra civiltà sin dai tempi antichi. 

Più leggevo e studiavo, più mi trovavo in accordo con tutte queste letture.

Decisi così di mettermi alla prova e sperimentare direttamente su me stessa questa pratica.

Com’è andato il primo tentativo? … Non proprio benissimo.

Questo perché decisi di iniziare saltando direttamente la colazione e, non essendo abituata, durante la mattinata iniziai a percepire giramenti di testa, stanchezza e tanta fame.

Così ho pensato: “bene, non fa per me“. 

In realtà non sapevo di quanto il digiuno intermittente sarebbe stato benefico per me e quanto mi avrebbe potuto aiutare.

Ho iniziato infatti a farne nuovamente esperienza applicandolo in particolari contesti: soprattutto quando uscivo fuori a cena e mangiavo un po’ più del solito.

Al mattino infatti mi svegliavo con una sensazione che identificavo essere quella della fame: in realtà sapevo, dai miei precedenti studi, che in alcuni casi si può confondere la sensazione di fame con quella della sete.

La conferma l’ho avuta quando, in una di quelle mattine, decisi di bere una gran bella tazza di té verde, anzichè mangiare. Una volta bevuta, sono stata benissimo per diverse ore! 

Questo è stato un primo segnale molto interessante, che mi ha fatto prendere consapevolezza sul mio corpo e sul mio effettivo senso di fame/sazietà.

“Wow, allora posso continuare il digiuno e arrivare a 16 ore senza mangiare!”

…Non esattamente!

Ci ho provato di nuovo, ma alla quattordicesima ora, percepivo ancora quella fastidiosa sensazione di fame (reale, stavolta) che mi provocava una voragine nello stomaco.

Per farla breve, ho capito insomma una cosa: non è necessario, né tanto meno obbligatorio, rispettare diligentemente l’orario prestabilito di 16 ore, ma dobbiamo semplicemente prendere questa indicazione come un suggerimento, poi fare noi un ascolto pro-attivo nei confronti del nostro corpo e delle nostre sensazioni!

Il senso del digiuno intermittente infatti non è costringere il proprio corpo entro schemi rigidi e prestabiliti, perché il nostro corpo non è una macchina che va ad orari fissi.

I BENEFICI

 

E allora, a cosa serve esattamente il digiuno intermittente?

Innanzitutto, a svincolarsi dal concetto che bisogna per forza fare 5-6 pasti al giorno.

E poi, serve a lasciare al corpo uno spazio, una fase di respiro in cui esso può gestire i nutrienti che ha già al suo interno, e attivare di conseguenza altri meccanismi che possono essere innescati solo se non c’è cibo che viene introdotto.

 

Seguendo questo metodo, ho imparato ad ascoltare il mio corpo entrando sempre di più in connessione con esso, partendo proprio dal riconoscimento corretto di sensazioni di primaria importanza come quelle di fame e sazietà.

In questo modo, è venuto da sé che mi sono costruita uno schema personale in cui so come personalizzare il digiuno intermittente sulla base delle mie esigenze

I momenti in cui lo utilizzo di più sono praticamente sempre dopo che faccio un pasto libero (in cui solitamente mangio più del solito) e quando ho bisogno di ottimizzare il mio tempo per aumentare la produttività.

Facendo così, sempre rimanendo in ascolto delle mie sensazioni, sono riuscita anche ad arrivare a digiunare 16 ore senza sentire nessun sintomo di fame!

I MIEI CONSIGLI PRATICI PER INIZIARE

 

Ma come si applica, in concreto, un digiuno intermittente?

Sempre sulla base della mia esperienza, io personalmente quando inizio questa pratica cerco sempre di bere un‘abbondante tazza di té verde senza zucchero, dopodiché focalizzo la mia attenzione sulle mie attività da svolgere durante la giornata, e nel frattempo mi assicuro di bere qualche bicchiere di acqua naturale ogni 1-2 ore.

Se sono ancora lontana dall’ arrivare alle 16 ore e la fame, nonostante aver bevuto, si fa sentire, non mi costringo a rimanere a digiuno ma mangio una piccola manciata di frutta secca o cioccolato molto fondente (99%), che mi permette di arrivare al pasto successivo senza sforzi.

E tu, hai mai provato il digiuno intermittente? Se si, come ti sei trovata?

Raccontamelo qui sotto nei commenti!

Se vuoi saperne di più, su Youtube trovi un’intera playlist dedicata a questo argomento, premi qui per visualizzarla.

Ti piacerebbe sapere come fare ad utilizzare il digiuno intermittente per promuovere il dimagrimento, rinnovare le tue cellule e ritrovare l’energia?

 

Di recente ho pubblicato un LIBRO sul digiuno intermittente:

“Il Digiuno Intermittente per la Donna: la guida completa per attivare il dimagrimento, mantenere un peso sano e rigenerare corpo e mente”

Si tratta di una vera e propria guida teorico-pratica completa per attivare il dimagrimento, mantenere un peso sano e rigenerare corpo e mente, attraverso la pratica di digiuno intermittente specifico per le donne.

PREMI QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO SU AMAZON (DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA E KINDLE eBOOK)

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo cliccando sull'icona di Facebook!