SALUTE FEMMINILE, DIMAGRIMENTO

Cos’è il movimento gioioso? 6 consigli per apprezzare l’esercizio fisico

 
Dott.ssa Martina Pellegrini 
Esperta nel Benessere Femminile

Fare movimento è il tuo tallone di Achille?
L’attività fisica è sempre una grande croce da portare con te con ogni nuova dieta?

Uno dei pilastri più importanti di un approccio intuitivo al proprio benessere è provare piacere nel muovere e allenare il proprio corpo.

 
Ma se il tuo rapporto con lo sport e l’esercizio fisico è complicato, è molto probabile in questo caso provare tutto tranne che piacere.
 

In questo articolo quindi ti spiegherò cos’è il movimento gioioso e quali sono i miei 6 consigli e suggerimenti utili per iniziare ad amare l’attività fisica ed inserirla definitivamente con gioia nella tua routine quotidiana! 

Sono Martina Pellegrini, dietista e nutrizionista olistica esperta nel benessere femminile con un approccio corpo-mente-anima. Aiuto le donne a sentirsi energiche e leggere ritrovando la gioia di mangiare.

 
Se hai sempre lottato con l’esercizio fisico, usandolo come strumento per dimagrire, per bruciare le calorie o punirti per l’eccesso di cibo, è molto probabile che allenarti non sia esattamente quello che preferisci fare, anzi, ti sembrerà una punizione.
 
Nella mia esperienza con le donne che seguo, ho notato che la loro relazione con l’esercizio fisico è spesso una delle più importanti aree da risanare. 
 
Ho anche notato che molte delle mie clienti provano molti sensi di colpa per non riuscire ad iniziare, mantenere e ad apprezzare l’attività fisica. 
 

Il loro senso del dovere dettato dalla “mentalità dietetica” le porta a pensare frasi come:
 

“Se solo potessi fare esercizio regolarmente, sarei più magra”
“Se mi allenassi più spesso potrei permettermi di mangiare qualcosa in più”

Allo stesso tempo però vorrebbero sperimentare un desiderio genuino per muovere il proprio corpo per ragioni più utili come aumentare la forza, migliorare l’umore e l’energia.

Purtroppo però, anche le motivazioni più positive possono trasformarsi in “dovrei” che si aggiungono al loro senso di colpa per non riuscire a farlo.

 
Quando una cliente mi dice che odia fare esercizio, mi piace condividere con lei questo esempio:
 

Pensa a un ortaggio che hai odiato da piccola, ma che i tuoi genitori ti facevano sempre mangiare. Ad esempio i broccoliquale bambino non odia i broccoli?

Soprattutto se vengono serviti cotti al vapore e sconditi!

 

Non mi sorprenderebbe se tu, una volta cresciuta abbastanza da poter fare consapevolmente le tue scelte sul cibo, i broccoli non fossero tra le tue scelte primarie nel menu. 

D’altronde, hai sempre odiato i broccoli.

 

Poi, da adulta, questo alimento ti è stato presentati in un modo diverso. 

Magari servito croccante e al forno, con una spolverata di parmigiano, oppure in uno sformato con base di pasta frolla salata o in un’impanatura croccante. 

E, forse, sei stata abbastanza coraggiosa o curiosa da provare questi piatti scoprendo che… alla fine i broccoli serviti in questo modo non sono poi così male! 

 
Vedi, tecnicamente sono gli stessi che ti venivano serviti da bambina, ma in una modalità completamente diversa, ponendo attenzione sul piacere più che sul “dovere”. 

Da come avrai potuto intendere, i broccoli insipidi e puzzolenti che hai mangiato da piccola possono essere paragonati al noioso esercizio fisico che tu tanto odi, mentre i broccoli croccanti, caramellati e gustosi sono proprio quel movimento gioioso di cui ti sto parlando.

 

L’ esercizio fisico è qualcosa di forzato.

È un campo di addestramento mattutino che ti obbliga a trascinarti giù dal letto alle 6:30.

È una sessione noiosa sull’ellittica o sul tapis roulant non vedendo l’ora che finisca.

È un video di allenamento cardio che fai da sola nel tuo salotto.

 
Il movimento gioioso invece ha a che fare con il piacere.
E certo, il corpo continua a muoversi ma in questo caso ti farà sentire bene fisicamente e mentalmente, senza alcuna minima sensazione di punizione.
 
Il movimento gioioso è una lezione di yoga che ti fa sentire riposata, con la mente lucida e attiva.
È una corsa vigorosa all’aperto in una giornata soleggiata e ventilata.
È una partita di pallavolo settimanale con le tue amiche.
È una lezione alla sbarra con una colonna sonora incredibile.
E’ un video su YouTube dove fai balli di gruppo e di diverti come una matta.
 
(Tieni presente che questi esempi si basano su ciò che personalmente trovo piacevole oppure odioso.
Ognuno è diverso e può trovare gioia in attività che altre persone odiano. Ad eccezione dell’ellittica, mi rifiuto di credere che a qualcuno piaccia davvero l’ellittica 😀 !!)

CHE COS’È IL MOVIMENTO GIOIOSO?

Il movimento gioioso è un modo di avvicinarsi all’attività fisica che enfatizza il piacere. 

Sappiamo che l’attività fisica offre una serie di benefici per la salute fisica e mentale e, mettendo il focus sul piacere, è più probabile che andrai a muovere regolarmente con più facilità il tuo corpo.

 

Il movimento gioioso è anche una questione di scelta

L’esercizio fisico spesso sembra obbligatorio: è fatto per  bruciare le calorie e punire il corpo che non riesce ad adattarsi a ideali arbitrari e irrealistici. 

Il movimento gioioso riconosce invece il diritto al riposo, i benefici che ne derivano e la tua scelta se impegnarti o meno.

 

Con il movimento gioioso, tutti i tipi di movimento sono validi. 

Le persone non solo hanno preferenze diverse quando si tratta di movimento, ma anche abilità diverse. 

Per rendere inclusivo il movimento gioioso, tutti i tipi di movimento devono essere considerati allo stesso modo, anche se possono avere scopi diversi.
 

Se stai cercando di imparare ad apprezzare di nuovo l’esercizio fisico, prova a ripensare alla metafora dei broccoli. 

Inizia a considerare l’attività fisica provando a concentrarti di più sul piacere: è molto probabile che tu possa sperimentare un’esperienza diversa, decisamente positiva. 

Ti sei convinta di odiare il movimento, ma in realtà ciò che non ti piace è l’esercizio fisico – che è la sua versione più noiosa! 
 
Ecco qui di seguito alcuni suggerimenti per riscoprire il movimento gioioso:
1) FAI UNA PAUSA

A volte per riscoprire un movimento gioioso è necessario prendersi una pausa per un po ‘, anche per molto tempo! 

Fare una pausa può portare chiarezza ed è particolarmente utile se si sta lottando con l’esercizio fisico compulsivo. 

Se questo è diventato il tuo punto di riferimento per affrontare il disagio che provi nei confronti del tuo corpo, sospendere il movimento ti consente di imparare altri modi per affrontare questo disagio.

 
2) COSA TI PIACEVA DA BAMBINA?

Pensa a quali tipi di attività ti piaceva fare da piccola. 

Gli sport di gruppo, ginnastica, pattinaggio a rotelle, danza, andare in bicicletta, sono tutte attività che, rispetto ad altre, possono aiutarti a mantenere distante i pensieri sul tuo peso. 

O forse no – so che molte persone hanno avuto esperienze davvero tossiche nella danza e nella ginnastica. Ma in generale, le attività fisiche più giocose potrebbero essere interessanti e divertenti da provare e inserire nella propria routine. 

 
3) PRATICA LA MINDFULNESS

La consapevolezza può essere uno strumento molto utile per mantenere l’attenzione sul  corpo mentre si muove e uscire dai pensieri della mente. 

Sintonizzarsi sulle sensazioni fisiche o sull’ambiente circostante può trasformare il movimento in un’esperienza quasi meditativa.

Ti piacerebbe imparare a meditare? Allora leggi l’articoloMeditazione per dimagrire: i miei consigli per iniziare“!

 
4) USA DELICATEZZA

Non dimenticare questo aspetto nel movimento!

Con il puro esercizio fisico, l’attenzione è spesso sul consumo di calorie, quindi tutto ciò che non è intenso potrebbe “non contare”.

In realtà, il movimento dolce (ad esempio il pilates o classi di yin yoga) offre una serie di benefici sia al tuo corpo che alla tua mente e non è assolutamente da trascurare.

 
5) MOVIMENTO QUOTIDIANO

Non devi per forza andare in palestra per muovere il tuo corpo! 

Pensa ai modi in cui puoi incorporare il movimento nella tua vita quotidiana. 

Giardinaggio, portare a spasso il cane, fare le scale al lavoro, fare le pulizie (io metto la mia playlist Rock anni ’80 e me la ballo e canto come se non ci fosse un domani) e giocare con i tuoi figli… 

Sono tutti modi per integrare il movimento in un ambiente che è al di fuori della palestra.

 
6) CERCA DI SENTIRTI A TUO AGIO

Sfortunatamente, viviamo in un mondo in cui a volte non tutti i tipi di movimento mettono le persone a proprio agio. 

Che si tratti di fischi a ragazze che corrono per strada o di persone con più grasso corporeo rispetto a quello ritenuto “moralmente corretto” che sono continuamente soggette a sguardi o commenti in un ambiente come la palestra.. tutto questo non fa altro che aumentare l’insicurezza e rendere stressante anche il movimento più piacevole. 

 
Considera quindi sempre cosa puoi fare per sentirti quanto più possibile a tuo agio: che sia correre in un parco in pieno giorno, oppure trovare uno spazio più inclusivo per allenarti, un compagno di allenamento o persino allenarti a casa.

Detto questo, credo sia importante tenere in considerazione che non sempre il movimento è così gioioso, e va bene anche questo! 

Mi riferisco soprattutto ad amiche e clienti che hanno richiesto la terapia fisica per guarire da infortuni, oppure chi, per via di un evento sportivo, deve allenarsi anche quando davvero non ne ha voglia. 

Va bene anche così, è normale che non si provi sempre il massimo della gioia: l’importante è che il movimento non venga mai percepito come una punizione. 

 

Ci tengo anche a sottolineare che fare esercizio fisico non è un obbligo morale. 

Proprio come alcune persone potrebbero provare i broccoli arrostiti croccanti e decidere di apprezzarli davvero, per altri potrebbe non essere la stessa cosa.

Se ti trovi in una situazione simile, va bene anche così. 

Non devi per forza dimostrare di essere una persona alla quale piace fare esercizio! 

Il movimento offre certamente una serie di benefici per la salute, ma ci sono molte altre cose che possono contribuire a migliorare il tuo benessere psicofisico. 

Dedicarti alla tua salute è, d’altronde, una tua decisione e spetta a te decidere in quale modo occupartene, in piena libertà!

È davvero possibile essere e soprattutto sentirsi sane, belle e felici nel proprio corpo, senza fare sacrifici?

La mia risposta è sì, è possibile.

Esiste un approccio diverso, basato sulla Gentilezza Amorevole verso tutta te stessa. Verso il modo in cui mangi, in cui ti parli, in cui ti guardi allo specchio, in cui muovi il tuo corpo.

E’ un approccio basato su dei pilastri concreti ed una solida ricerca scientifica a supporto.

Vuoi saperne di più?

Iscriviti al mio WEBINAR GRATUITO “Come sbloccare il peso con un approccio gentile”!